Saggistica, editoria per l’Università

Francesca Fiorentin, Paolo Lago, Salvatrici del mondo. Personaggi femminili nella fantascienza italiana contemporanea


Salvatrici del mondo ISBN: 9788831358293
PAGINE: 120
PREZZO: € 15,00
FORMATO: cm 15 × 21
COLLANA: La politica dei letterati
DATA DI PUBBLICAZIONE: 2 maggio 2024
Leggi le prime pagine (in pdf)




Nella narrativa e nel cinema di fantascienza contemporaneo i personaggi femminili assumono una peculiare caratterizzazione. Questo saggio, la cui analisi abbraccia alcuni tra i più significativi romanzi e film di fantascienza italiani dal 2010 ai giorni nostri, intende dimostrare come le protagoniste di queste opere siano riconducibili a una dimensione ctonia e terrestre, legata profondamente alla natura e alle sue dinamiche.
Se spesso tali narrazioni rappresentano scenari distopici devastati dall’inquinamento, dalle malattie e dal cambiamento climatico, oppure spazi disumanizzati del futuro (un Antropocene, quindi, proiettato in una dimensione eco-distopica), sembra che i personaggi femminili, per mezzo di un significativo legame con la natura, ribellandosi ai diversi sistemi di sfruttamento messi in atto dal capitalismo, siano portatrici di una possibilità di rinascita, configurandosi come salvatrici di altri personaggi o dell’intera umanità.
L’analisi condotta in queste pagine non intende perciò concentrarsi esclusivamente sulla fantascienza scritta da donne: oggetto del saggio sono i personaggi femminili, per cui vengono prese in esame anche opere scritte da autori maschi, rilevando eventuali e opportune differenze tra narrativa maschile e femminile.


Francesca Fiorentin si è laureata in Filosofia all’Università Statale di Milano e ha conseguito un master in Perfezionamento in discipline filosofiche all’Università Bocconi. Una sua silloge poetica è apparsa su Nazione Indiana. Ha pubblicato diversi articoli e racconti sul blog letterario Il Pickwick e, in collaborazione con la poeta Francesca Tuscano, il poema Il Don Giovanni, apparso sul sito Necrologika.it. Nel 2017 esce il suo primo libro di poesie, Gli alfabeti intatti, edito da Arcipelagoitaca. Nel 2020 esce il secondo, Legami cedenti ossigeno, nella collana Intrecci di Oedipus Editore. Nel settembre 2021 una sua silloge è edita per la rivista americana «Journal of Italian Translation» (volume XVI, number 1, Spring 2021). Sempre nel settembre 2021 esce il suo terzo volume di poesia, Carcere della terrestrità, per i tipi di Macabor. Nel 2024 pubblica Disinganni, libro di poesia per i tipi Robin Edizioni. Insieme ad altre scrittrici ha fatto parte della redazione del sito di lettere e arti LeOrtique, dedicato alla scrittura femminile. Collabora con diversi altri siti di critica letteraria.


Paolo Lago è dottore di ricerca in Letterature e scienze della letteratura e in Scienze linguistiche, filologiche e letterarie. Si occupa soprattutto di ricezione dell’antico, estetica del romanzo e critica tematica nella letteratura e nel cinema. È redattore della rivista «Carmilla online»; collabora con «Zest. Letteratura sostenibile» e con la rivista «Tellus». Fra le sue monografie: L’ombra corsara di Menippo. La linea culturale menippea, fra letteratura e cinema, da Pasolini a Arbasino e Fellini (Le Monnier, 2007); La nave, lo spazio e l’Altro. L’eterotopia della nave nella letteratura e nel cinema (Mimesis, 2016); Il vampiro, il mostro, il folle. Tre incontri con l’Altro in Herzog, Lynch, Tarkovskij (Clinamen, 2019); Lo spazio e il deserto nel cinema di Pasolini. «Edipo re», «Teorema», «Porcile», «Medea» (Mimesis, 2020); La natura ostile. Visioni e prospettive nella narrativa contemporanea (Terracqua, 2023). Con Gioacchino Toni ha scritto Alle radici di un nuovo immaginario. Alien, Blade Runner, La cosa, Videodrome (Rogas, 2023).

Rassegna stampa

  • Recensione su «Pulp Libri» (Gioacchino Toni, 20 maggio 2024)