Collana del «Bollettino dantesco». Studi e testi


  Saggistica, editoria per l’Università

Alfredo Cottignoli, «La Bibbia degli Italiani». Dante e la «Commedia» dal Trecento a oggi



«La Bibbia degli Italiani» ISBN: 9788831358101
PAGINE: 364
PREZZO: € 25,00
FORMATO: cm 15 × 21
COLLANA: Collana del «Bollettino dantesco». Studi e testi
DATA DI PUBBLICAZIONE: settembre-ottobre 2021


Il volume, ripartito in venti capitoli intimamente coesi, è frutto di una ventennale ricerca e mira ad attestare, tramite alcuni momenti esemplari della fortuna critica di Dante e del suo poema, la precoce nascita, sin dal Trecento (grazie al suo primo biografo e pubblico lettore, Giovanni Boccaccio, e al geniale magister romagnolo Benvenuto da Imola), di un mito nazionale come quello dantesco. Esso poggia soprattutto su un’idea forte, che è quella dell’attualità del culto risorgimentale di Dante, non solo come padre della nostra lingua, ma anche come profeta della nazione italiana, un culto che il nostro irredentismo ha trasformato, tra Otto e Novecento, in uno straordinario mito identitario, in cui ancor oggi si riconosce l’intero Paese. Di qui il titolo del volume (La Bibbia degli Italiani), che si richiama a una felice definizione militante della Commedia di Anton Giulio Barrili (poi riecheggiata anche da un giovane Cesare Battisti), che additava nel poema il «libro dell’alleanza», ovvero il simbolo dell’unità nazionale.


Alfredo Cottignoli già ordinario di Letteratura italiana ai Beni Culturali ravennati e docente di Filologia dantesca nell’Università di Bologna, ha organizzato due convegni internazionali (Dante e la fabbrica della «Commedia» (Longo, 2008); Dante e Ravenna (Longo, 2019). Sua la curatela del vol. 40 delle «Letture Classensi» (Dante nel Risorgimento italiano, Longo, 2012), nonché della monografia, con Giorgio Gruppioni, su Fabio Frassetto e l’enigma del volto di Dante (Longo, 2012). Consigliere dell’Opera di Dante del Comune di Ravenna e membro del Comitato ravennate per le celebrazioni del settimo centenario della morte del poeta, è condirettore della rivista filologica «Studi e problemi di critica testuale». Per Giorgio Pozzi Editore ha diretto, col compianto maestro Emilio Pasquini, il «Bollettino dantesco. Per il settimo centenario» (2012-2020), e ha ideato la presente collana del «Bollettino dantesco», ove già è apparso il suo Carteggio con Domenico Pantone (2008-2017). L’itinerario di formazione di un giovane dantista. Questo nuovo volume, che si colloca sulla scia di una illustre tradizione ravennate di studi (i cui numi tutelari furono Corrado Ricci, Giovanni Pascoli, Santi Muratori ed Eugenio Chiarini), è anche il suo primo interamente dantesco, e vuole essere un omaggio al Sommo poeta e al suo «ultimo rifugio».