Popoli, società e culture


Saggistica, editoria per l’Università

ANTICIPAZIONE

Il viaggio in Oriente. Antologia degli orientalisti italiani dell’Ottocento, a cura di Valerio Vittorini


Il viaggio in Oriente. Antologia degli orientalisti italiani dell’Ottocento ISBN: 9788896117712
PAGINE: 128
PREZZO: € 15,00
FORMATO: cm 15 × 21
COLLANA: Popoli, società e culture
DATA DI PUBBLICAZIONE: novembre 2016


Il viaggio in Oriente propone un’ampia scelta di brani significativi tratti da opere di autori italiani che hanno viaggiato nel mondo arabo-musulmano nel corso del XIX secolo.
Opere di questo tipo sono numerose in altri paesi europei, dove la letteratura di viaggio è molto studiata. I testi dei viaggiatori italiani sono invece poco conosciuti, e nella maggior parte dei casi non sono più pubblicati da decenni. Si tratta di testi che rivestono un grande interesse proprio se messi a confronto con i più illustri modelli francesi e inglesi, in quanto si rivelano in gran parte portatori di uno sguardo sul mondo arabo molto diverso, più “umanistico” e assai meno “imperiale”. Nei récits de voyage francesi e inglesi infatti, si passa rapidamente dall’immagine benevola del mondo arabo, caratteristica degli illuministi settecenteschi, al brusco distacco operato da Chateaubriand e che sarà dominante, con innumerevoli sfumature, durante tutto il XIX secolo, preannunciando e accompagnando il lungo processo di colonizzazione che comincerà nel 1830 con la conquista dell’Algeria.
Nei récits de voyage italiani invece si manifesta un’evoluzione molto più difficile, lenta e conflittuale. Nello sguardo disorientato e incerto che questi autori rivolgono al mondo arabo emergono le tracce di una familiarità antica, secolare, segni di un’attitudine universalistica e umanista propria della cultura italiana e, allo stesso tempo, l’esempio inatteso di una approccio all’altro strettamente pragmatico, né ideologico, né pregiudiziale.
Tuttavia questo interessante punto di vista sarà abbandonato nel corso dell’Ottocento per modelli più “moderni” e incisivi, e la visione francese e inglese dei rapporti tra Occidente e Oriente finirà per influenzare anche i resoconti di viaggio italiani.


Valerio Vittorini è docente di Lingua e lettere nei licei italiani, membro associato del Ctel (Centre Transdisciplinaire d’Épistémologie de la Littérature et des Arts vivants) dell’Università di Nice Sophia Antipolis, e autore di diversi manuali di storia della letteratura italiana. Le sue attività di ricerca riguardano la letteratura comparata, la letteratura di viaggio e la letteratura post-coloniale.